giovedì 16 ottobre 2014

ART AND FASHION: FASHION IS ART!!


Buongiorno a tutti!!
Stamani è venerdì e come tutti i venerdì è la volta della mia amatissima rubrica sull'arte e la moda, ossia "ART AND FASHION: FASHION IS ART".
Visto che mi piace cercare spunti nuovi e parlare di tutto ciò che mi piace, stamani voglio parlarvi di un grande artista senza tempo, che ho avuto il piacere di approfondire durante la lezione di "Il costume nelle arti e nello spettacolo", sto parlando del grande stilista parigino PAUL POIRET.

Paul Poiret, fu un grande artista e una delle figure di maggior rilievo della moda della Belle Epoque.
E' stato un grande stilista francese, considerato da tutti il primo creatore di moda, i suoi contenuti nel campo della moda del XX secolo, sono stati paragonati a quelli di Picasso al mondo dell'Arte.
Poiret nacque il 20 aprile 1879, in un paesino vicino Parigi, da un mercante di stoffe. I suoi genitori, per assicurargli un buon futuro, gli insegnarono l'arte della costruzione degli ombrelli.
Un giorno, utilizzando scarti di stoffe, realizzò un vestitino per una bambola di sua sorella.
Da giovane, portò alcuni bozzetti a Madeleine Cheruit, una grande stilista, che ne acquistò una dozzina. Continuò a vendere i propri bozzetti alle più famose case di moda parigine, fino a quando nel 1896 non fu assunto da Jacques Doucet.
Nel 1903, fondò la propria casa di moda, le vetrine del suo negozio a differenza di altre, erano ampie e appariscenti.
Quello che contraddistingue Poiret dagli altri stilisti, fu il suo grande istinto per il marketing, apportò profonde innovazioni nell'illustrazione di moda e fu il primo a organizzare sfilate promozionali all'estero, per promuovere i propri capi.
Anche se è conosciuto per lo più per aver liberato le donne dalla "gabbia" del corsetto, e per i suoi abiti eccentrici e stravaganti (gonne asimmetriche, pantaloni alla turca e tuniche in stile harem), il maggior contributo di Poiret fu lo sviluppo di una sartoria basata sul drappeggio, un grande cambiamento rispetto alla sartoria degli anni precedenti.
Questi traeva ispirazione in particolar modo da tutto ciò che proveniva dalle tradizioni folcloristiche regionali, con la realizzazione di abiti che partivano dalla forma di un rettangolo, amava moltissimo anche i balletti russi.
Nel 1911, lanciò una linea di profumi "Les Parfumes de Rosine", sempre nel 1911 creò l'Atelier Martine.
Dopo la guerra, nel 1919, riaprì il suo atelier, però perse una bella parte della sua clientela (dovuto all'arrivo di nuovi stiliti, per esempio Chanel) e non riuscì più a raggiungere il successo ottenuto negli anni passati.
Nel 1929 chiuse la maison, ed i suoi preziosi capi furono venduti al chilo.
Poiret morì nel 1944, dimenticato da tutti!!
Dimenticato da tutti, mi verrebbe da dire in quegli anni, visto che oggi Poiret è considerato il primo grande stilista , creatore di moda, non solo un creativo, anche un uomo con un grande istinto per il marketing e per la promozione delle proprie collezioni.
Un uomo che si avvicinò anche al mondo del cinema e del teatro, per quanto riguarda la creazione di costumi di scena.

Come sempre aspetto i vostri commenti, fatemi sapere cosa ne pensate, non vedo l'ora di leggere i vostri commenti.Un bacio a tutti e buona giornata!!





















9 commenti:

  1. Un post molto interessante con delle bellissime foto d'epoca. Fai bene a prendere spunti dallo stilista parigino PAUL POIRET, c'è vera arte nelle sue creazioni . Un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
  2. I tuoi post mi piacciono sempre tantissimo, e le creazioni di Poiret sono davvero uniche!
    Fabrizia – Cosa Mi Metto???

    RispondiElimina
  3. La moda di altri tempi mi ha sempre affascinata, baci.

    RispondiElimina
  4. Adoro questa rubrica sempre più!

    RispondiElimina
  5. questa tua rubrica la adoro sempre di più..post favoloso...complimenti

    RispondiElimina
  6. bella la tua rubrica bravissima.

    RispondiElimina
  7. mi piace questo post
    www.mrsnoone.it
    kiss

    RispondiElimina